Il “nuovo” regime forfettario

Dal 2015 è stato introdotto il regime forfetario che si caratterizza per l’estrema semplificazione degli adempimenti e della determinazione del reddito. L’applicazione del regime fino al 2018 era vincolata al rispetto di specifici requisiti di accesso (ammontare ricavi/compensi, dotazione dei beni strumentali, spese per lavoro, ecc.). La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto alcune modifiche che ampliano dall‘1 gennaio 2019 la platea dei contribuenti interessati al regime forfetario e che prevedono l’innalzamento del limite dei compensi e ricavi a € 65.000 in modo indifferenziato per tutti i tipi di attività a prescindere dal Codice ATECO; l’eliminazione del limite di incompatibilità per i contribuenti che nell’anno precedente hanno percepito un reddito da lavoro dipendente e assimilato superiore a € 30.000; è ora prevista l’incompatibilità per i soggetti forfetari che svolgono l’attività nei confronti dell’attuale datore di lavoro o di coloro che lo sono stati nei 2 anni precedenti; l’incompatibilità per coloro che controllano una SRL che svolge attività riconducibile a quella esercitata individualmente. Come già accadeva nel precedente regime forfetario la non applicazione dell’IVA può essere una valida ragione di convenienza per applicare il nuovo regime.

I soggetti in regime forfetario non addebitano l’IVA ai clienti e simmetricamente non detraggono l’IVA sugli acquisti. Tale disposizione ha le seguenti implicazioni: se il soggetto opera con altre imprese o professionisti, si verifica per il soggetto forfetario una perdita pari all’ammontare di IVA a credito non detratta e nessun beneficio dal lato delle vendite; se il soggetto opera con consumatori finali si verifica un guadagno dal lato delle vendite in quanto la prestazione/cessione, se effettuata al medesimo prezzo, consente di introitare l’importo corrispondente all’IVA, che nel regime ordinario era versata all’Erario.

Tuttavia, il regime forfettario può non essere sempre conveniente e dipende dalle singole e soggettive posizioni. In pratica, per accedervi, è utile effettuare un calcolo di convenienza avvalendosi di esperti in materia.

Federcoop Romagna
 
Sede Legale Ravenna - Via Faentina, 106 - 48123 Ravenna - Tel. 0544.509511 - Fax 0544.509539  P.IVA 01213680398
Sede di Forlì - Via Luigi Galvani, 17/A - 47122 Forlì - Tel. 0543.796593 - Fax 0543.795867
Sede di Cesena - Via Calcinaro, 1458 - 47521 Cesena - Tel. 0547.632556 - Fax 0547.382365
Sede di Rimini - Via Caduti di Marzabotto, 40 47922 Rimini - Tel. 0541.760711 - Fax 0541.790632
 

Privacy Policy - Cookie Policy

Log in with your credentials

Forgot your details?