Sergio Venturi premiato “cooperatore ad honorem” all’assemblea di Federcoop Romagna

Confermati i dati positivi per il bilancio di Federcoop Romagna
Sergio Venturi, commissario all’emergenza Covid-19, premiato “Cooperatore ad honorem”

Si confermano i dati positivi degli ultimi anni nel bilancio 2019 presentato oggi, mercoledì 24 giugno alla Fattoria Guiccioli di Mandriole (Ravenna) e, durante l’assemblea è stato premiato “Cooperatore ad honorem” Sergio Venturi, commissario regionale all’emergenza Covid-19 ed ex assessore regionale alla sanità.

Si confermano positivi i dati del bilancio di Federcoop Romagna – realtà che si occupa di consulenza fiscale, legale, contabile, del lavoro, direzionale e societaria, di modelli organizzativi, servizi telematici e paghe, con utile di circa 60.000€ (con dividendo garantito ai soci cooperatori) e un fatturato che si attesta sui 5.300.000€.

Una realtà che opera con sedi a Ravenna, Forlì, Cesena e Rimini e consta di 78 dipendenti (di cui 62 donne e 16 uomini, età media 47 anni) e più di 20 collaboratori.

Durante l’assemblea di bilancio, in cui è confermata la dirigenza, Federcoop e Legacoop Romagna hanno voluto dare uno speciale riconoscimento a Sergio Venturi, il commissario regionale all’emergenza coronavirus. A lui è stata consegnata una targa di mosaico prodotta da Anna Fietta raffigurante Dante Alighieri e il cielo stellato di Galla Placidia perché è anche grazie al suo prezioso operato che “quindi uscimmo a rivedere le stelle”.

Nella motivazione consegnata a Venturi si legge: “Cooperatore ad honorem. Al Commissario per l’emergenza Sergio Venturi, già medico e dirigente stimato del sistema sanitario pubblico emiliano-romagnolo, per la professionalità e l’umanità con cui ha sostenuto e consigliato i cittadini e le imprese durante le settimane più difficili della pandemia da Covi19, con stima e riconoscenza”.

“L’emilia-romagna, appena finita la seconda guerra, – ha dichiarato Sergio Venturi – era una regione tra le più povere d’Italia. Poi, col tempo, abbiamo saputo crescere e indicare una strada per lo sviluppo. Ora che stiamo superando un’altra crisi, abbiamo di nuovo la responsabilità di tracciare il percorso per uscire da questa situazione e indicare la strada agli altri”.

“Il 2019 è stato per Federcoop Romagna – ha dichiarato il presidente Mario Mazzotti – un anno particolare, di cambiamenti annunciati, di spinta a mettersi a disposizione del mondo cooperativo, di consapevolezza nel voler accompagnare le imprese nei loro cambiamenti, di crescita, di consolidamento e di rigenerazione. Tutte sfide che possiamo dire di aver superato”.

“L’anno che stiamo vivendo – ha dichiarato Paolo Lucchi, amministratore delegato – ci ha costretti a fare importanti cambiamenti in tempi accelerati, per adattarci all’emergenza da affrontare. Abbiamo tenuto duro e siamo riusciti ad erogare i nostri servizi di consulenza alle imprese cooperative, che nelle fase di emergenza più acuta ci chiedevano puntualità e certezze. Siamo riusciti a farlo senza stravolgere la nostra struttura, ma rafforzando e costruendo nuove funzioni

nel campo della formazione e dell’informazione. Un sentiero ormai tracciato che continueremo a seguire consapevoli, come siamo, dell’importanza della Cooperazione per garantire la tenuta sociale ed economica delle nostre comunità”.

Il 2019 è stato l’ultimo anno intero

della direzione di Daniela Zannoni che, dopo oltre 40 anni di lavoro presso Federcoop Romagna, andrà in pensione. A lei sono andati i ringraziamenti e i saluti di tutto lo sfaff.